Cosa deve fare lo studente

PRIMA DELLA PARTENZA

Acquisire informazioni riguardo all’Università ospite (modulistica, offerta formativa/corsi, alloggi ed altro) al fine di organizzare al meglio la permanenza all’estero e reperire tutte le informazioni necessarie per una corretta compilazione del Learning Agreement (Piano/Contratto di Studi da seguire all’estero);

  • Inviare all’Università partner la documentazione richiesta (Application Form in primis) entro le date di scadenza indicate da ciascuna università partner;
  • Definire il Learning Agreement e farlo firmare dal Coordinatore Erasmus di Facoltà e dal Coordinatore Istituzionale, il Rettore (il L.A. deve essere portato all’estero per la firma da parte dei Responsabili Erasmus, siano essi Docenti e/o Funzionari Tecnico- Amministrativi);
  • Esser certi di essere in possesso della Tessera Sanitaria riconosciuta a livello Europeo altrimenti fare richiesta della copertura sanitaria presso la propria ASL di appartenenza.

La tessera sanitaria è valida sull’intero territorio nazionale e permette di ottenere servizi sanitari anche nei paesi dell’Unione Europea, in sostituzione del modello cartaceo E111.
Quando ci si reca nei Paesi dell’Unione Europea e negli Stati convenzionati, ad esempio la Svizzera, è sufficiente esibire la tessera per ricevere gratuitamente le cure mediche urgenti negli ospedali e nelle cliniche sul territorio. Le spese saranno poi addebitate al Servizio Sanitario Nazionale, con le modalità specifiche previste dalla Regione di residenza dell’assistito.

  • Portare con sé almeno due foto;
  • Sottoscrivere l’Accordo Finanziario per l’erogazione della borsa di mobilità

All'arrivo:

  • Registrarsi/Immatricolarsi presso l’Ufficio Relazioni Internazionali della sede estera di destinazione. (Ricordiamo che è a partire dalla data di registrazione/immatricolazione che inizia il conto dei gg. utili a stabilire l’effettiva permanenza all’estero)
Durante il periodo di studio all'estero
  • Far firmare ed altresì timbrare dai Responsabili Erasmus dell’Università estera di destinazione il Learning Agreement.

E’ possibile modificare il Learning Agreement; ciascun cambiamento deve essere preventivamente autorizzato dall’Università di origine.
Ogni cambio deve altresì precedere la firma e il timbro da parte dei Responsabili Erasmus stranieri.
N.B.: E’ indispensabile che lo studente al suo rientro consegni copia in originale del Learning Agreement;

  • Trasmettere all’Area Relazioni Internazionali:
    • l’eventuale richiesta di prolungamento;
    • la lettera di accettazione del prolungamento da parte dell’università estera;

A seguito della richiesta ed accettazione del prolungamento, ciascuno studente dovrà sottoscrivere un Emendamento all’Accordo Finanziario.
N.B.! : Non è possibile stabilire a priori se un eventuale prolungamento potrà essere coperto da un’ulteriore borsa di mobilità!

Prima della fine del periodo di mobilità

  • Richiedere il Certificato di Permanenza (Con date di inizio e fine esperienza);
  • Richiedere il Transcript of Work (Ex Transcript of Records), vale a dire il certificato delle attività didattiche svolte e consegnarlo all’Area Relazioni Internazionali. 
Al terminine del periodo ERASMUS
  • Consegnare i certificati originali rilasciati dall’università partner.N.B. Nel caso in cui non sia possibile produrre il certificato degli esami sostenuti, avvalersi del modulo di autocertificazione.
    (Spesso i documenti relativi alle attività didattiche svolte sono spediti direttamente all’Area Relazioni Internazionali);
  • Presentare, laddove previsto, il modulo di riconoscimento delle attività svolte.
    Il modulo dovrà essere consegnato alla Segreteria Didattica/Studenti di appartenenza;
  • Completare la relazione finale circa l’esperienza Erasmus.